xxx xxx porn xxx porn
Home » Spettacoli » La Rai fa sessant’anni, Tito Stagno: «Che disputa con Ruggero … – Il Messaggero

Sabato 4 Gennaio - agg.11:01

Sfoglia il nuovo giornale digitale

Messaggero logo

Spettacoli

PER APPROFONDIRE tagrai, sessanta, anniversario, tito stagno

di Marco Molendini

​Sessanta e li dimostra. La tv, quella che abbiamo conosciuto, è in vorticosa trasformazione, si confonde nel cambiamento tecnologico fino a trovare nuova vitalità. Sono passati sessant’anni da quel 3 gennaio ’54 in cui Fulvia Colombo accese la Rai e di acqua sotto i ponti ne è passata tanta. Viale Mazzini festeggia, anche se la concorrenza si è fatta larga (non solo Mediaset, anche Sky e l’web nelle sue infinite forme), se il rosario delle lamentazioni invoca la qualità perduta. E se ci sono scadenze importanti, come ieri hanno ricordato, la presidente Tarantola e il direttore generale Gubitosi, ovvero la firma del nuovo contratto di servizio e, fra due anni, il rinnovo della concessione, promettendo una consultazione aperta a tutti su come dovrà essere il servizio pubblico nel futuro, processo di rinnovamento tecnologico compreso.
La grande festa sarà delegata al Festivalone di Sanremo, ma comunque è inevitabile la liturgia del ricordo: ecco, stasera, uno specialone taglia e cuci di Techetechete e poi un Tv7 (sigla storica, sinonimo dell’antica qualità), Uno mattina, Rai 3 con Raistoria e Rainews. Fra i testimoni di quelle glorie c’è un veterano come Tito Stagno, l’astronauta ad honorem come l’aveva battezzato Mariano Rumor, il ciuffo biondo alla Robert Redford del tg, un sardo tosto, un gran rompiscatole sul lavoro (si definisce così), un perfezionista, orgogliosissimo della sua professionalità fino a non perdonare alla Rai di averlo messo a riposo forzatamente, quando mancavano solo dieci giorni alla pensione: «Ci siamo lasciati male – dice subito -. Era il 94, al tempo dei professori».

Quando era entrato in Rai?
«Ho vinto un concorso nel ’53. Con me c’erano Paolo Rosi, Adriano De Zan, Furio Colombo, Gianni Vattimo, Umberto Eco. Lo vinsi e la Rai mi fece fare un corso per studiare fonetica».
Che Rai era?
«C’erano altri uomini. È stato così almeno fino all’arrivo dei socialisti. E dire che io sono stato sempre socialista. Ma la politica è una cosa e la professione un’altra. Quando arrivarono, stracciai la tessera. Con la dc e Bernabei c’era ancora rispetto, non mi conosceva, non si fidava, eppure mi mandarono a seguire il papa a Loreto e poi mi lesse i complimenti della Segreteria di Stato perché ero stato obiettivo. Ricordo che andai anche ai funerali di Togliatti».
Era il 64…
«Non ci voleva andare nessuno, neppure Granzotto e Zatterin, temevano che qualsiasi cosa avessero fatto gli avrebbero sparato contro. Fui obiettivo e andò benissimo. Ricordo ancora come lo chiusi: e la bara si allontana nell’ombra…»
La politica contava…
«Nel 76, dopo la riforma, venni indicato nei giornali come possibile direttore di una testata radio. Accanto al mio nome mettevano psdi, ma io non sono mai stato socialdemocratico. Poi alla fine si scoprì l’arcano, il candidato era un altro, sponsorizzato da Tanassi. Io andai alla Domenica sportiva. Ma niente padrinati politici e mai prebende, non ho mai accettato neppure un mandarino».
Il suo nome è legato fondamentalmente alle imprese spaziali.
«Cominciò per caso, quando le telescriventi lanciarono la notizia che l’Urss aveva messo in orbita il primo satellite, lo Sputnik.
Il giorno prima, dal dentista, avevo letto un articolo che si dilungava sulle prospettive delle avventure nello spazio, così feci al volo un servizio dettagliato. Poi vennero Gagarin, i voli americani Gemini, poi l’Apollo».
E ci fu la celebre telecronaca dell’allunaggio…
«Con Aldrin siamo rimasti amici, ogni volta che viene ci vediamo».
E ci fu l’altrettanto celebre disputa (“ha toccato non ha toccato”) con Ruggero Orlando.
«Era un super-professionista. Ricordo un suo commento dopo una decina di whisky: esemplare».
Professionisti d’altri tempi..
«Come Sergio Telmon, Piero Angela, Paternostro prima che andasse per la tangente».
Rimase vittima della sindrome da video. Lei non l’ha mai avuta?
«Io ho cominciato a 26 anni e quando vai in video presto non hai quest’ansia. Succede se ci vai dopo i 40 anni, allora diventi gigione come certi personaggi di oggi».
Lei, invece, ha chiuso da un giorno all’altro.
«Uscito dalla Rai ho fatto un altro mestiere, insegnando comunicazione verbale. E ho potuto permettermi cose che il misero stipendio Rai non mi permetteva».

Venerdì 03 Gennaio 2014 – 22:33
Ultimo aggiornamento: 22:57

© RIPRODUZIONE RISERVATA

VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?

DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO

Pedaggi autostradali, al casello c’è una stangata per i romani

Una mazzata senza precedenti in tempo di crisi. I romani – pendolari o meno non…

GUARDA TUTTE LE NEWS DI ROMA
La fornitura dei bagni chimici per il sisma Bertolaso resta indagato a Roma

L’AQUILA Guido Bertolaso, l’ex capo della Protezione civile, resta…

GUARDA TUTTE LE NEWS DELL’ ABRUZZO

SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Il Papa lascia un messaggio alla segreteria telefonica delle monache: «Perché non mi rispondete?»

Ormai sono in pochi a lasciare i messaggi nelle segreterie telefoniche. Dopo il bip spesso si sentono solo i…

Schumacher, il mistero della telecamera. La famiglia non voleva consegnarla

Fuori una folla silenziosa sempre più numerosa sventola bandiere rosse col cavallino, una bambina…

Sonno, la donna deve dormire più dell’uomo: il cervello di lei lavora più di quello di lui

ROMA Il cervello delle donne deve dormire più tempo di quello dell’uomo. Le femmine, secondo un…

Spread a quota 197, ai minimi dal 2011 Letta: «Adesso il Paese può ripartire risorse per tagliare le tasse sul lavoro»

Lo spread si raffredda ancora e torna sotto quota 200 chiudendo a 197 punti. Non accadeva dalla calda estate…

CASA
L’imposta di registro cala da gennaio dal 3 al 2%

Il beneficio vale per l’acquisto della prima casa da un privato

Scadenza saldo Imu, ore frenetiche nei Caf

Tempi stretti, solo da pochi giorni chiusi i termini per gli aumenti decisi dai…

Le compravendite? Con nuove aliquote

Imposte in calo anche sulla II casa acquistata da un privato

GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO

HOMEPAGE PRIMO PIANO ECONOMIA SPETTACOLI CULTURA SOCIETA’ SPORT TECNOLOGIA
   
               
               
  MODA SALUTE CASA VIAGGI ED. LOCALI ROMA  
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA’ CONTATTI | PRIVACY
© 2012 Il MESSAGGERO – C.F. e P. IVA 05629251009


Spettacoli – Google News

No comments yet... Be the first to leave a reply!

Leave a Reply

*

code