xxx xxx porn xxx porn
Home » Uncategorized » L’Unità: redazione si ribella all’ingresso tra i soci di un’ex senatrice di Forza Italia – The Blazoned Press

Caos all’interno de ‘l’Unità’ per l’ingresso nel capitale del giornale, di una ex senatrice di Forza Italia. Si tratta di Claudia Maria Ioannucci, avvocato e professore di diritto amministrativo all’Aquila, la quale ha causato la rivolta dei giornalisti della testata, quando a novembre ha acquisito, attraverso la società Pei, il 13,98% della Nie, la società editrice del quotidiano. In realtà, però, il Cdr non ha mai saputo della presenza di questo nuovo a tanto scomodo socio, perciò ora ha chiesto “al socio di maggioranza di sostituire l’amministratore delegato che ha tenuto celato il nome di questo nuovo azionista al Comitato di redazione e l’identità dei titolari della società Pei srl”.

Si ribadisce alla Ioannucci, da parte della redazione, che il giornale non ha mai accettato l’ingresso di Angelucci perché ritenuto inopportuno con la storia della nostra testata. E si aggiunge: “Quando siamo rinati come giornale abbiamo fatto la campagna contro le leggi ‘ad personam’ di Silvio Berlusconi, mentre lei era membro di Forza Italia. Pertanto riteniamo inopportuna la sua presenza e chiediamo che venga sostituita”. I principi dei giornalisti de l’Unità sono saldi e nemmeno le incertezze del futuro potranno convincerli ad abbandonare o tradire le loro convinzioni. “Vorremmo chiarezza anche sull’operazione” – chiede il Cdr. Giunge la risposta della Ioannucci, la quale dichiara: “Sono entrata nel capitale de L’Unità perché ogni giornale in difficoltà o che rischia di morire significa una ferita per la democrazia”.

L’ex senatrice sostiene che la reazione del Cdr del quotidiano sia stata influenzata dall’articolo uscito sul ‘Fatto quotidiano‘. La Ioannucci sostiene sì che ogni giornale debba avere una propria linea politica, tuttavia afferma altresì che proprio per questo vanno salvati tutti i giornali “perchè ci devono essere tante voci”. Quanto all’articolo uscito sul ‘Fatto quotidiano’, la Ioannucci dichiara di voler querelare il quotidiano in quanto avrebbe accostato il suo nome a quello del faccendiere Lavitola, mentre il suddetto è stato un suo cliente, per cui, dichiara, “l’assioma che vede legato un avvocato con la persona che difende non è corretto”. Motivo per cui chiederà anche i danni morali, per dichiarazioni false. Anche l’Unità minaccia di querelare il Fatto quotidiano, per aver approfittato della vicenda per screditare un quotidiano concorrente.

Se la notizia ti ha interessato segui i suoi ulteriori sviluppi sulla nostra Pagina Facebook Ufficiale:

Simona d'Onofrio

Autore: Simona d’Onofrio


Redazione – Google News

No comments yet... Be the first to leave a reply!

Leave a Reply

*

code