xxx xxx porn xxx porn
Home » Sport » Mourinho umilia Wenger: Chelsea-Arsenal 6-0… – La Gazzetta dello Sport
22 marzo 2014 - Londra

Mille partite e sei gol. Non solo: anche un errore madornale dell’arbitro Marriner, che confonde i giocatori ed espelle un innocente. La festa di Arsene Wenger, alla millesima partita alla guida dell’Arsenal, si rivela un incubo: il Chelsea distrugge i Gunners 6-0 e ancora una volta il francese deve inchinarsi di fronte a Mourinho. Non può essere un caso se in undici scontri diretti il portoghese non ha mai perso con il grande rivale: vogliamo dirlo una volta per tutte che Mou è meglio di Wenger?

dominio in mezzo — L’Arsenal perde il derby prima di giocarlo. Wenger sbaglia la formazione: gioca Rosicky che non sta bene e Flamini, uno dei pochi combattenti di una squadra leggera, va in panchina. Di fatto, Wenger consegna il centrocampo al Chelsea, dove invece Mou ha scelto come coppia di mediani una diga solida, composta da Matic – vero regista – e Luiz. Il guizzo di Giroud, lanciato da Rosicky, che si inserisce tra i due centrali e tira in corsa, costringendo Cech a sporcarsi subito i guanti, è un’illusione. Trenta secondi dopo il Chelsea è già avanti. E’ il 5’: Schurrle libera Eto’o che si aggiusta il pallone e di sinistro impallina Szczesny. Al 7’ è già 2-0: Schurrle, devastante, prende la mira e da venti metri indovina l’angolo giusto. L’Arsenal è una zattera alla deriva.

scambio di uomini — Al quarto d’ora, l’episodio chiave della gara, con l’errore madornale dell’arbitro Marriner. Torres serve Hazard che scaglia il pallone verso la porta. Szczesny è battuto, ma Oxlade-Chamberlain si tuffa e devia in angolo. Marriner non si accorge di nulla, ma i giocatori del Chelsea lo circondano e Mourinho salta in panchina indicando il braccio. Non si capisce bene se a risolvere la faccenda sia il guardalinee Ledger o il quarto uomo Taylor, ma Marriner alla fine indica il dischetto ed estrae il cartellino rosso. Oxlade-Chamberlain? No, Gibbs. Marriner confonde i giocatori, forse consigliato male dai suoi assistenti. Invano Oxlade-Chamberlain urla a Marriner “Sono stato io”. L’arbitro è irremovibile. Hazard non si scompone: spiazza Szczesny e firma il 3-0. La partita è già finita dopo un quarto d’ora.

il chelsea non frena — Wenger sbaglia ancora: fuori Podolski e dentro Vermaelen. Il 4-0 arriva al 42’: assist di Torres e Oscar infila il pallone all’incrocio. E’ ancora il brasiliano, al 66’, a trovare il 5-0: tiro da lontano e panciata di Szczesny. Il 6-0 premia Salah: l’egiziano elude il fuorigioco sul lancio di Matic e buca il portiere polacco. Mourinho non si accontenta. Spinge i suoi all’attacco: vuole altri gol per rendere più consistente la differenza reti, dove Manchester City e Liverpool sono avanti rispetto ai Blues. Luiz, Salah e Torres sfiorano il 7-0. Giroud è l’unico che ha ancora voglia di combattere nell’Arsenal. Il 6-0 consegna a Mourinho la vittoria più rotonda nella sua storia alla guida del Chelsea. Wenger completa la giornata nera rifiutando di presentarsi in conferenza stampa. Il francese compie un’impresa leggendaria: perde due volte, in campo e fuori, nel giorno della millesima partita alla guida dell’Arsenal. Com’era la storia dell’eleganza di Wenger?

dal nostro corrispondente Stefano Boldrini 

© riproduzione riservata


Sport – Google News

No comments yet... Be the first to leave a reply!

Leave a Reply

*

code